Oriana Carione

LinkedIn
Instagram
Facebook

Il Docente

Il 3 Novembre del 1990, a Nocera Inferiore, nasce Oriana Carione (Da Kairos, "L'attimo")

Fin dall'infanzia, la strada appariva già chiara: Conoscere e fare Arte. Dopo essersi diplomata all'Istituto Statale D'Arte "Filiberto Menna", con la quale ha partecipato, assieme al suo gruppo nel 2007 al festival internazionale dell'animazione televisiva "Cartoons on the Bay", ideato e organizzato da Rai Trade, risultando vincitrice della sua undicesima edizione, comincerà ad affinare e concretizzare il proprio stile. Nato principalmente come un umile occhio riverso sulla realtà naturale, affascinato dalla fauna ornitologica e al contempo stesso, sulla realtà urbana, si concretizza in una serie di strati di colore, quest'ultimo utilizzato come vero e proprio mezzo di comunicazione, atto a interiorizzare la profonda complessità del sentimento umano, tanto da avvicinarsi al più noto Espressionismo. Durante questo periodo di formazione, intraprenderà una serie di viaggi che la porteranno a Instanbul, Jasmine, New York, New Jersey, Niagara Falls, Parigi, Lione, Buffalo, Duvbronick, Amsterdam, Edimburgo, Aberdeen, Inverness, Stirling fino alle sconfinate Shetlands, affacciate sul Mare del Nord, senza disdegnare per questo le zone del Cilento nel loro immenso verde profondo. Da ogni viaggio, da ogni museo visitato, l'utilizzo del colore, delle linee grafiche e degli attimi ritratti, ha subito una forte evoluzione, passando da strati profondi e saturi, ma sintetici, a più eleganti linee sfumate più coerenti con la realtà circostante, minuziosamente e pazientemente create, più pregni dell'esperienza vissuta e ritratti secondo la visione della grandezza e della piccolezza del mondo circostante, senza mai perdere l'amore per il più elegante supporto che l'arte abbia creato: La matita. Il percorso prosegue verso ogni forma di stimolo, permettendo all'artista di maturare una sorta di stile a cavallo fra il millennio, che alcuni fumettisti, come Enzo Lauria hanno definito "Anni '90", sintetizzando quindi lo stile italiano e quello d'oltreoceano. Attualmente, la dominanza di contrasti "soffici" dove il nero è quasi sempre assente, preferendo i più luminosi viola, azzurro o blu, entra in contrasto con le luci barocche di cui quasi tutte le opere sono caratterizzate. Un'ulteriore accortezza per il dettaglio e l'esigenza di rendere vivi dei semplici fogli di carta, ha reso alcune opere una sorta di "disegno gioiello". Nell'anno 2016 prosegue gli studi presso la Comix Ars di Salerno, dove affinerà le proprie capacità per cercare di cogliere con più precisione "L'Attimo" disegnato sui volti delle persone, nei gesti degli animali, nella profonda e suggestiva grandezza del cielo e di tutto ciò che appartenga alla vita dell'essere umano, così da poterne essere silenziosa ma profonda enunciatrice. Il 13 Novembre del 2016, forte della sua esperienza, ma conscia del suo giovane cammino, decide di inaugurare la sua prima mostra d'arte al Void, Nocera Inferiore (SA), così da portare il profumo della salsedine, dei bistrot, delle terre lontane e d'oltreoceano, degli aerei, delle navi, delle spezie d'oriente e del caffè della quale le opere esposte sono ancora pregne, manifestando in esse "L'eleganza della carta".